Da Corniglia a Monterosso

escursione-da-corniglia-a-monterosso

Come si fa a non amarle da subito? Lo sanno bene i milioni di visitatori (le stime parlano di 3 milioni nel 2022) che qui sbarcano ogni anno restando impressionati da questi luoghi senza tempo.

Sbarcare è la parola giusta per questi cinque variopinti paesi del levante ligure dove l’accidentata morfologia del luogo li accomuna molto di più alle isole che alla terraferma.

Noi sbarcheremo, con il treno, a Corniglia, il borgo delle Cinque Terre da sempre sconnesso dalla vita marinara. Difatti se ne sta solingo sul suo sperone di roccia, a cento metri sul livello del mare, cinto dalle onde del mare e in diretto contatto con i suoi terrazzamenti di vite e olivi. Corniglia è il luogo dove collezionare immagini rare e uniche di scorci che questi borghi incredibili sanno regalare. Le dedicheremo l’attenzione che merita prima di innestare il Verde Azzurro, il sentiero panoramico e vertiginoso che si snoda attraverso questo lembo di costa ligure, connettendo tutti i paesi delle Cinque Terre.

Seconda tappa Vernazza. Dall’alto del sentiero appare come una dama stesa a mezz’acqua sulla scogliera rigata, una penisola protetta dal castello Doria. Scenderemo verso il suo porticciolo, dove faremo pranzo, attraversando la penombra dei vicoli resi più luminosi dai colori pastello delle alte case. Il mare qui a Vernazza lo vivono davvero: si vede dalle numerose barche in secca sugli scalandroni, coperte da un telo biancazzurro nell’estrema cura che si riserva a un bene prezioso. La chiesa poi è un altro indice della connessione divina con il mare, pare essere un tempio dedicato al culto di Poseidone, costruita com’è sulla piazzetta del porto con le bifore romaniche che si affacciano direttamente sul blu delle acque. Lasciandoci Vernazza alle spalle continueremo a vederla da scorci sempre diversi fino a lasciarla indietro per puntare verso Monterosso, il borgo che chiuderà questa nostra giornata in Liguria.

Cinque Terre, una terra unica fatta di infiniti spunti poetici, di tradizione e bellezza che solo i luoghi davvero amati dai suoi abitanti sanno trasmettere.

Programma & Percorso

Partenza: domenica 15 gennaio, ore 10:30, presso la stazione ferroviaria di Corniglia. Per raggiungere il punto di ritrovo consigliamo di utilizzare la linea ferroviaria. Ulteriore punto di incontro sarà la stazione di Livorno Centrale (maggiori dettagli a iscrizioni chiuse). Rientro: a Monterosso ore 16:30 (da qui possibilità di utilizzare il treno). Tipologia percorso: percorso escursionistico di sola andata, rientro via treno. Lunghezza: 9 km. Ascesa tot: 480 m. Difficoltà: media, richiesto allenamento per percorrere tratti in pendenza e scalinate. Tempo di cammino effettivo: 4 ore. Per maggiori info, leggi il nostro articolo sulle difficoltà tecniche del trekking

Equipaggiamento

Scarpe da trekking obbligatorie, 1 litro di acqua, pranzo al sacco, spuntino (frutta secca, frutta, barrette), abbigliamento a strati, giacca a vento, k-way/poncho/guscio, bastoncini da trekking, un cambio. Per maggiori info, leggi il nostro articolo sull’abbigliamento e l’equipaggiamento da trekking

Quota di partecipazione

Adulti € 20,00 – ragazzi (12-14 anni) € 10,00. Pagamento in loco. Il pagamento comprende l’accompagnamento con guida GAE. La quota non comprende: costo del viaggio per raggiungere il punto di partenza del trekking, il pranzo e tutto quanto non espressamente indicato alla voce “La quota comprende”. In caso di maltempo o mancato raggiungimento del numero minimo di partecipanti (15) il trekking sarà rimandato a data da destinarsi e sarà necessario procedere nuovamente con l’iscrizione. 

Iscrizioni

Per iscriverti all’escursione DA CORNIGLIA A MONTEROSSO compila il MODULO DI PRENOTAZIONE. Hai già partecipato ai nostri trekking giornalieri? Se è la prima volta che cammini con noi, dedica due minuti alla nostra informativa sui trekking giornalieri! Ti ricordiamo che per questo trekking giornaliero è previsto un numero minimo di 8 partecipanti e un numero massimo di 20 partecipanti.

Contatti

GAE Martina Marenco 388 1839702 (dal martedì al sabato, dalle 15:00 alle 19:00) – icamminatoriliberi@gmail.com
www.icamminatoriliberi.com